LC1 Poltroncina

Nuovo prodotto

LC1 è la poltroncina firmata da Le Corbusier, Pierre Jeanneret, Charlotte Perriand per Cassina. Poltroncina con struttura in acciaio cromato trivalente (CR3) lucido o verniciato nero semi-lucido. Sedile e schienale: pelle con pelo (braccioli in cuoio nero); cuoio disponibile in un’ampia gamma di colori con braccioli coordinati.

  • Pelle con pelo nero
    Pelle con pelo nero
  • Pelle con pelo pezzato bianco/nero/marrone
    Pelle con pelo pezzato bianco/nero/marrone
  • Cuoio_ Avorio
    Cuoio_ Avorio
  • Cuoio_ Beige
    Cuoio_ Beige
  • Cuoio_ Bianco
    Cuoio_ Bianco
  • Cuoio_ Blu
    Cuoio_ Blu
  • Cuoio_ Cognac
    Cuoio_ Cognac
  • Cuoio_ Grigio
    Cuoio_ Grigio
  • Cuoio_ Marrone
    Cuoio_ Marrone
  • Cuoio_ Naturale
    Cuoio_ Naturale
  • Cuoio_ Nero
    Cuoio_ Nero
  • Cuoio_ Porcellana
    Cuoio_ Porcellana
  • Cuoio_ Radica
    Cuoio_ Radica
  • Cuoio_ Rosso bulgaro
    Cuoio_ Rosso bulgaro
  • Cuoio_ Rosso cina
    Cuoio_ Rosso cina
  • Cuoio_ Tabacco
    Cuoio_ Tabacco
  • Cuoio_ Talpa
    Cuoio_ Talpa
  • Cuoio_ Verde salvia
    Cuoio_ Verde salvia
  • Cromata
    Cromata
  • Verniciata nero opaco
    Verniciata nero opaco

Disponibile in 5/6 settimane

LC1 è la poltroncina firmata da Le Corbusier, Pierre Jeanneret, Charlotte Perriand per Cassina. Poltroncina con struttura in acciaio cromato trivalente (CR3) lucido o verniciato nero semi-lucido. Sedile e schienale:

— pelle con pelo (braccioli in cuoio nero);
— cuoio disponibile in un’ampia gamma di colori con braccioli coordinati.

Questa seduta, leggera e compatta, fa da contrappunto alla Fauteuil grand confort, più massiccia, ed è in perfetto equilibrio con il tavolo in tubo d’acciaio e la chaise-longue. Ne esistono tre versioni per diff erenti situazioni d’uso: il modello esposto al Salon d’automne del 1929, la versione per Villa Church del 1928, e quella del 1930 per l’esposizione  all’Union des Artistes Modernes.


Larghezza 60 cm
Profondità 65 cm
Altezza 64 cm
Altezza seduta 40 cm
Designer Le Corbusier, Pierre Jeanneret, Charlotte Perriand